Home  
PARTNER IN FRANCIA
CATALOGO CD e DIGITALE
clicca qui
VISITA
IL CATALOGO

ora disponibile
ferite&feritoie
il nuovo album di
PAOLO
CAPODACQUA

in uscita il
13 DICEMBRE 2019



su questo sito
e nei migliori negozi



dal 4/3/2019

una grande novità
solo dall'Italia


Solo dalla Francia
puoi acquistare
gli album più
recenti di

CLAUDIO LOLLI

Il grande freddo

PIPPO POLLINA

Il sole che verrà

clicca qui
VISITA
IL CATALOGO

Scopri i nostri
album pubblicati
in quasi 20 anni
di attività

fra i quali

PIPPO POLLINA

Le dernier vol

KAY MC CARTHY

L'amore tace

GIORGIO CONTE

The best of
live in Alberobello



PIPPO POLLINA

la storia non
conosce padroni

LP Vinile 180gr

PIPPO POLLINA

CANALE YOUTUBE

visitate il nostro
nuovo canale


PROSSIMAMENTE

PIPPO
POLLINA

"30 anni
Camminando"
tour europeo
con
Adriana e Roberta
Prestigiacomo
Claudia Sala
Roberto Petroli
Fabrizio Giambanco

IN PREVENDITA

le 28 Novembre
Théâtre Molière

le 1 décembre
Café de la Danse

in apertura
GIACOMO
LARICCIA


IN EVIDENZA


PIPPO
POLLINA
SÜDEN II
il nuovo album
con
Werner Schmidbauer
e Martin Kälberer
prestissimo
anche in ITALIA



su questo sito
e nei migliori negozi


a PARIGI

trovate i nostri CD
in esclusiva a

La Libreria


89 Rue du Faubourg
Poissonnière
75009 PARIS


album nuovi
e meno nuovi di

G.Conte - C.Lolli - P.Pollina
Nada - M.Manfredi - Il Parto
M.Rovelli - R.Durkovic

Les Anarchistes - Gang
A.Annecchino - Inti Illimani
P.Capodacqua - La Macina
GLI ALBUM DI CLAUDIO

STORIE DI NOTE
ha pubblicato di
CLAUDIO LOLLI

prodotti

nel 2000

Dalla parte del torto

nel 2003
con
IL PARTO DELLE
NUVOLE PESANTI


Ho visto anche degli
zingari felici


nel 2006

La scoperta dell'America

nel 2009

Lovesongs

e anche


Viaggio in Italia

ri-pubblicato nel 2008
dopo una prima uscita
senza promozione nel
1998 da parte di Sony


PIPPO POLLINA, ANCHE IN ITALIA IL NUOVO TOUR EUROPEO NOVEMBRE 2019
marted́ 21 maggio 2019



Dopo la lunga tournée nei paesi di lingua tedesca nella prima parte dell'anno, per l'uscita dell'album "Süden II" (con Werner Schmidbauer e Martin Kälberer), un altro evento molto significativo contraddistingue la fine del 2019 per Pippo POLLINA.
Una nuova tournée europea avrà luogo lungo tutto il mese di Novembre, con circa 30 concerti previsti in grandi città e capitali nell’Unione Europea.

Il repertorio di questi concerti è veramente da non perdere, con alcune fra le canzoni più significative del lungo percorso artistico dell’artista.
Fra esse si ritrovano i vibranti omaggi a Léo FERRÉ « Léo », a Victor JARA « Il giorno del falco », a Jacques BREL « Amsterdam » in italiano.
Una potente invettiva contro la violenza e l’odio è gridata con « Signore da qui si domina la valle », ispirata dalla tragedia jugoslava di Srebrenica e Sarajevo.

Da i brividi la storia del giovane eroe anti-mafia Peppino IMPASTATO ascoltando « Centopassi ».

Emozionanti sono gli inni alla libertà e alla pace come « Versi per la libertà » e «Banneri», piccoli capolavori in dialetto siciliano. E colpisce profondamente l’infinita tenerezza di tragiche storie di guerre e di migrazioni, come nella ninna-nanna « Sambadiò ».
Il suo repertorio è attraversato anche da bellissime e mai banali canzoni d’amore e disseminato di storie di vita ricche di umanità di personaggi comuni.

Sono previste, a partire dal 2 Novembre, due settimane in Germania, Austria e Svizzera, poi 6 concerti in Italia fra il 19 e il 24, e a seguire il 27 in Lussemburgo, il 28 a Bruxelles, il 29 a Amsterdam, e il 1 Dicembre a Parigi …. Per terminare la settimana seguente a Londra e Barcellona.

In quest’ultimo significativo impegno del 2019 Pippo POLLINA (voce, chitarra e piano) sarà accompagnato dalle 3 eccellenti voci delle cantanti siciliane (anche cantautrici) Adriana e Roberta PRESTIGIACOMO e Claudia SALA, oltre che da Roberto PETROLI, polistrumentista che collabora con Pippo da diversi anni (Sassofono, clarinetto, flauto, tastiere).

Il percussionista Fabrizio GIAMBANCO, anch’egli siciliano, completerà l’organico.

Ecco alcuni interessanti estratti video dal vivo.

LINK a Canzone sesta, invettiva finale dell’opera sulla strage di Ustica (Zurigo 2015)

LINK a un estratto del concerto del 2013 all’Arena di Verona

LINK a un estratto di un concerto a Parigi nel 2017 (con « Léo » ed « Amsterdam »)

LINK a un clip di presentazione del tour Novembre 2019


BREVE BIOGRAFIA PIPPO POLLINA

Pippo POLLINA rappresenta il simbolo perfetto del cantautore di madrelingua italiana impegnato per l’Europa e per la sua cultura.

Il suo straordinario percorso artistico si è sviluppato attraverso gran parte del territorio europeo : 23 album pubblicati, più di 3000 concerti tenuti negli ultimi 30 anni.
Co-fondatore del gruppo Agricantus, nel 1979 a Palermo, collaboratore all’inizio degli anni ’80 nella sezione Giovani della rivista « I Siciliani », rivista di informazione e di lotta contro la mafia, in seguito all’assassinio del suo direttore Giuseppe FAVA nel 1984, Pippo POLLINA decide nel 1985 di lasciare la Sicilia e gli studi di diritto per intraprendere un lungo viaggio di esplorazione culturale attraverso l’Europa, inizialmente previsto per un periodo di 3 mesi.

In treno, in auto-stop…. Questo viaggio « d’iniziazione » dura invece quasi 2 anni durante i quali ha l’occasione di incontrare le realtà culturali del Vecchio Continente alla vigilia della caduta del Muro di Berlino …. 2 anni durante i quali viaggia senza interruzione e suona da Firenze a Vienna, da Parigi a berlino, da Praga ad Amsterdam, da Copenhagen a Stoccolma, da Londra a Bruxelles …. E da Barcellona alla Svizzera…

I concerti vengono improvvisati nelle strade e nelle piazze, solo o con musicisti incontrati per caso. Il suo repertorio è per metà di sua scrittura e compsizione , per l’altra principalmente di canzoni di Victor Jara, degli Inti-Illimani, di Léo Ferré (uno dei suoi maestri), di Lugi Tenco, di Fabrizio De André….

Un giorno del 1987 Linard BARDILL, cantautore svizzero pacifista ed ecologista , lo nota mentre suona in una strada di Lucerna.

Questo incontro sarà decisivo per il suo futuro umano e artistico. Pippo POLLINA collabora al nuovo album di Linard BARDILL e partecipa ai suoi concerti nei teatri. Da quel momento, la musica, la canzone d’autore, lo spettacolo … diventano, oltre che la passione, la vera professione di Pippo POLLINA.
Stabilitosi in Svizzera, a Zurigo, dove vive ormai da 30 anni,
continua a presentare nei più prestigiosi teatri e festival di gran parte dell’Europa il suo vastissimo repertorio, di oltre 300 canzoni dedicate alla libertà, alla pace, alla giustizia, all’amore universale, alla lotta per l’ambiente, alla solidarietà verso i migranti, senza mai smettere di denunciare mafie e guerre.

I suoi testi raccontano più di 30 anni della storia d’Italia, della storia d’Europa e di quella del mondo.

La sua interpretazione vibra di straordinaria passione e di grande intensità ….. accompagnate da grande forza ed eccellenti qualità musicali.

Alla fine degli anni ’90 Pippo POLLINA è ormai divenuto un punto di riferimento incontestabile in campo musicale nei paesi mitteleuropei.
L’avventura italiana si riapre nel 1997, grazie al fatidico incontro, in Germania, con Leoluca Orlando, a quell’epoca come adesso sindaco di Palermo.
Uomo politico di grande apertura culturale e propenso all’accoglienza, oltre che profondo conoscitore della cultura e della lingua tedesca.
Pippo POLLINA può così finalmente ritrovare il suo paese, la sua isola, la sua città, e con esse una parte della sua vita alla quale si era trovato a dover rinunciare ….. dolore che spesso trapela forte nel suo canzoniere.

Con l’assistenza e il sostegno appassionato di Rambaldo Degli Azzoni, manager e compagno di avventure, il ritorno in Italia prende forza e il pubblico del « Bel paese » comincia a scoprire e adapprezzare questo grande artista.

L’album « Rossocuore » (2000), che segna il momento cardine del nuovo inizio di Pippo POLLNA nel suo paese natale, contiene anche un formidabile duetto con l’immenso Franco Battiato nella canzone « Finnegan’s wake ».

« Versi per la libertà », nel 2002, fa scoprire in Italia, ma anche in Europa, la poesia e il profondo impegno di questo artista che si manifesta al suo culmine nella canzone « Il giorno del falco », dedicata a Victor Jara e interpretata con il celebre gruppo cileno Inti-Illimani.

Durante i dieci anni successivi POLLINA pubblica altri 5 album di grande impegno. Uno è dedicato alla Strage di Ustica e contiene la registrazione dell’opera di teatro musicale rappresentata nel 2007 in occasione dell’inaugurazione a Bologna del Museo per la Memoria di Ustica.
Opera che sarà poi tradotta in tedesco e francese e portata anche in Svizzera, Germania e Francia, suscitando grandi emozioni e facendo conoscere anche in Europa quella tragica vicenda.
Un altro album, il « best of » intitolato « Fra due isole » (2009), che contiene alcune fra le canzoni più significative del suo repertorio, viene registrato con la partecipazione dei 67 giovani musicisti dell’Orchestra Sinfonica del Conservatorio di Zurigo.

Nel 2011 Pippo POLLINA si lancia in una nuova sfida : la Francia e i paesi francofoni.

Da quel momento il pubblico francese comincia a conoscerlo e ad apprezzarlo. Egli rappresenta infatti un importante legame con la « chanson » francese attraverso Léo Ferré e Georges Moustaki, meravigliosi artisti ai quali si è ispirato e con i quali ha collaborato e anche cantato.

Nel Novembre 2018, dopo 30 anni di assenza, Pippo POLLINA da nuovamente un concerto in Belgio, a Liegi, fra gli applausi di un pubblico belga, italiano e tedesco, a rappresentare da parte di questo artista l’incessante ricerca dell’unione di genti e culture in tutta Europa.

Da ricordare anche che nel 2002 POLLINA ha proposto una propria versione in italiano della celebre canzone « Amsterdam » di Jacques Brel (un altro dei suoi maestri) e che questa versione ha avuto grandi apprezzamenti da parte degli editori e anche della vedova di Brel.

Essi hanno dato senza esitazione il permesso di registrare ed eseguire dal vivo questo brano.

Nel 2017 l’artista siciliano da più di 150 concerti per presentare « Il sole che verrà », suo 22° album, ricco di speranza nel futuro, e più di 120 concerti nel 2018, in una dozzina di paesi europei.

Nell’Ottobre 2018 è invitato speciale , al fianco di un altro siciliano d’Europa come ADAMO, al Premio Tenco, che rappresenta l’evento più importante per la canzone d’autore in Italia.
Nel gennaio 2019 Pippo POLLINA fa uscire il suo nuovo album « Süden II ». Questo disco rappresenta il secondo capitolo cominciato intorno al 2010 con il cantautore Werner SCHMIDBAUER ed il polistrumentista Martin KÄLBERER, entrambi bavaresi (Germania del Sud)

Süden, il SUD come metafora : Sud della Germania, Sud dell’Italia, incontro fra lingue e culture, canzoni in italiano e tedesco, con strofe, ritornelli e duetti nell’altra lingua …. E a partire dal 7 Marzo 2019 parte una tournée con circa 80 concerti in Germania, Austria e Svizzera, con una sola eccezione : il concerto dell’ 8 giugno 2019 nel celebre Teatro Massimo di Palermo.

Per la cronaca, la lunga tournée del primo Süden, cominciata nel 2012, è durata un anno e mezzo ed è terminata nell’agosto 2013 all’Arena di Verona davanti a più di 10.000 spettatori venuti da diversi paesi europei.